23 marzo 2017
Aggiornato 01:00
Un evento spettacolare e attesissimo

Il Rally del Messico si apre sulle strade di James Bond

Sulla piazza Zócalo di Città del Messico, resa famosa dal film «Spectre» di 007, sono in programma le prime due prove speciali del terzo appuntamento della stagione iridata. Poi la carovana si sposterà sullo sterrato delle montagne

CITTÀ DEL MESSICO – Le nuove e superpotenti auto del Mondiale Rally nella città resa famosa da «Spectre», uno dei film della saga di 007. Sono attese migliaia di persone giovedì 9 marzo nella nota piazza Zócalo di Città del Messico per uno degli eventi più attesi nei 45 anni di storia del Wrc: le prime due prove speciali del Rally del Messico, terza tappa della stagione 2017. Sull'asfalto dove James Bond ha dato spettacolo con l'elicottero si sfideranno, tra gli altri, il nuovo capolista Jari-Matti Latvala (Toyota), reduce dalla vittoria in Finlandia, e il quattro volte campione del mondo Sebastien Ogier (Ford). Poi le macchine e i piloti saranno trasportati quattrocento km a sud-ovest, fino a raggiungere Leon, dove sarà fissato il campo base per i successivi tre giorni di gara sul torrido sterrato delle montagne della regione di Guanajuato. «Siamo felici di essere stati invitati dalle autorità di Città del Messico – racconta il direttore del rally, Patrick Suberville – Questa nazione ha una grande passione per l'automobilismo. Su quella stessa piazza sono state presentate il Gran Premio di Formula 1 e la gara del Mondiale Endurance, ma noi siamo i primi a disputarci una vera e propria competizione e siamo molto orgogliosi di questo». Diciannove le prove speciali che la carovana iridata affronterà nell'arco dei tre giorni fino al 12 marzo, per un totale di 370,46 km. Il programma del fine settimana si concluderà domenica con la consueta Superspeciale di chiusura, che attribuirà punti bonus ai cinque piloti più veloci.