23 maggio 2017
Aggiornato 09:00
I nostri talenti ballano sotto la pioggia

L'Italia cala il tris in Moto2: Baldassarri, Morbidelli e Bagnaia monopolizzano le libere

Podio tutto tricolore al termine della prima giornata di prove del Gran Premio di Francia, condizionata dal meteo variabile: Lorenzo stacca il miglior tempo davanti al leader del Mondiale Franco e a Pecco, reduce dal suo primo podio nella classe di mezzo nell'ultima gara

Lorenzo Baldassarri in azione nelle libere a Le Mans (© MotoGP)

LE MANS – Il quinto appuntamento di stagione è iniziato in maniera promettente per i talenti italiani in Moto2, con ottimi risultati conquistati già nella prima giornata di prove libere. Il più abile nell’adattare il proprio stile di guida e la sua Kalex 2017 alle condizioni miste presentate dal meteo durante questa prima giornata sul circuito Bugatti a Le Mans è stato Lorenzo Baldassarri. Il pilota del team Forward ha immediatamente mostrato la sua competitività sin dal semaforo verde delle prime prove libere, migliorando progressivamente la sua performance, chiudendo il suo giro più veloce nell’ultimo minuto di prove libere e registrando il suo miglior tempo di 1:38.158, aggiudicandosi così il primo posto in classifica. Durante la seconda sessione invece, il giovane numero 7 ha preferito non arrischiarsi, mirando invece a trovare il feeling con la moto sui 4.185m di asfalto bagnato. Con il suo eccellente tempo registrato nella mattinata, Baldassarri ha dominato sull’intero circuito francese in questa prima giornata: «Sono davvero felice della giornata di oggi – ha raccontato – Con le condizioni in pista di questa mattina sono riuscito ad andare veramente veloce anche grazie all’ottimo feeling che ho immediatamente percepito con entrambe le gomme. Nel pomeriggio, nonostante il bagnato, la pista mi è piaciuta e ha una buona aderenza. In ogni caso nel secondo turno ho preferito non rischiare troppo, soprattutto perché le condizioni meteorologiche previste per la gara sono buone e prevedono l’asciutto. Domani mattina continueremo a lavorare in questa direzione per trovare la gomma ottimale e per arrivare pronti e concentrati alle qualifiche».

Morbido e Pecco dietro di lui
Anche il leader del Mondiale Franco Morbidelli ha dimostrato la sua versatilità: nonostante un piccolo incidente alla famosa curva Garage Vert stamattina, il portacolori del team Marc Vds ha mancato la prima posizione per appena 11 millesimi. «Le condizioni stamattina erano ormai quasi completamente asciutte – racconta – e ho trovato immediatamente un ritmo decente. Oggi pomeriggio, invece, non è iniziato nel migliore dei modi e non mi sentivo molto forte e capace di avvicinare il limite. Ma abbiamo fatto una modifica sulla moto e sono stato immediatamente più contento. Devo ammettere che non mi sento forte come l'anno scorso sotto la pioggia: dobbiamo trovare un feeling migliore e più velocità ma sono convinto che cresceremo. È stato difficile giudicare le prestazioni del nuovo asfalto perché oggi non ci sono state le condizioni ideali, ma di sicuro è più liscio e questo è un buon punto a favore». Francesco Bagnaia chiude invece la giornata al terzo posto. Il giovane talento dello Sky Racing Team Vr46 impressiona in tutte le condizioni sulla pista di Le Mans: è terzo nella prima sessione su asfalto asciutto e secondo questo pomeriggio sotto la pioggia battente. Con un miglior tempo sul giro di 1:38.315, Pecco è a poco più di un decimo dal capofila di giornata Baldassarri: «Uno dei venerdì in assoluto migliori dall'inizio dell'anno ad oggi – ha spiegato il pilota torinese, reduce dal suo primo podio nella classe di mezzo – Rispetto a Jerez, dove avevamo girato sul bagnato senza riuscire ad essere competitivi, qui abbiamo fatto davvero un importante passo in avanti. Anche sull'asciutto sono stato forte e domani, con la gomma morbida, sono sicuro riusciremo a migliorare ancora il nostro tempo sul giro».

Pecco Bagnaia in sella alla sua Kalex nelle prove di oggi

Pecco Bagnaia in sella alla sua Kalex nelle prove di oggi (© Sky Vr46)