23 marzo 2017
Aggiornato 01:00
La Leonessa azzurra riprende la caccia al titolo

Kiara Fontanesi inizia il Mondiale in un inferno di fango. Ma se la cava...

Il campionato iridato femminile di motocross è scattato questo weekend in Indonesia nel bel mezzo della stagione delle piogge. E la quattro volte campionessa, dopo una gara-1 sfortunata, si è ripresa con il secondo posto in gara-2

Kiara Fontanesi (© Yamaha)

PANGKAL PINANG – Più che dalle avversarie, Kiara Fontanesi è stata battuta dal maltempo. La nuova stagione del Mondiale femminile di motocross ha preso infatti il via questo weekend sul nuovo circuito di Pangkal Pinang, in Indonesia, ma con poca lungimiranza questa gara è stata programmata proprio nel bel mezzo della locale stagione delle piogge. Così, la quattro volte campionessa del mondo, insieme alle sue rivali, ha dovuto lottare con condizioni estenuanti, un fondo fangoso e scivoloso, solchi profondi trasformati in sabbie mobili dai costanti acquazzoni e per giunta un caldo estremo. E in gara-1 tutto il suo controllo del gas e il suo equilibrio non sono bastati alla 22enne parmigiana, che ha dimostrato grande velocità e tenuta risalendo con rilassatezza e concentrazione fino al secondo posto, grazie ad un sorpasso da manuale sull'iridata in carica, la francese, Livia Lancelot. Ma a tradirla è stata una buca dove la portacolori del team Mx Fonta Racing si è impantanata con la sua Yamaha Yz250F. «Che frustrazione – ha commentato – Per tutta la giornata ho guidato in modo perfetto. Ero in condizioni fisiche ideali, la moto c'era, avevo tutto per riuscire ma sono rimasta bloccata e non sono nemmeno riuscita a finire la gara». Pur non avendo visto la bandiera a scacchi, la Leonessa è stata comunque classificata al tredicesimo posto della corsa vinta dalla olandese Nancy Van de Ven.

La Fontanesi in azione in Indonesia

La Fontanesi in azione in Indonesia (© Yamaha)

Pronto riscatto
Molto meglio è andata la seconda manche, rimandata all'improvviso dagli organizzatori quando le moto erano già al parco di partenza e alla fine corsa con un tracciato ridotto. L'ex fidanzata di Maverick Vinales si è dimostrata agguerrita fin dal via, lottando con l'emergente neozelandese Courtney Duncan per la vittoria. Solo la pioggia sempre più fitta le ha impedito di lanciare l'assalto finale, così l'azzurra si è dovuta accontentare del secondo posto dimostrando comunque ancora grande grinta e pulizia di guida. Un risultato importante per il campionato (dove ora si trova quinta assoluta) e che dà morale dopo l'inizio negativo: «Contenta di tornare a casa intera, con sensazioni positive e in una buona posizione in classifica dopo una gara decisa come alla lotteria», ha chiosato Kiara. Il prossimo appuntamento sarà quello di casa: il 15-16 aprile in Italia, ad Arco di Trento.