28 marzo 2017
Aggiornato 00:00
Il fenomeno di Tavullia pronto ad un'altra stagione al top

Gli ex compagni di Valentino Rossi tifano per lui: «Il 2017 sarà il suo show»

Colin Edwards, che condivise con lui la Yamaha, e Nicky Hayden, suo vicino di box in Honda prima e in Ducati poi, hanno la stessa idea: «Anche a 38 anni, il Dottore si giocherà la vittoria, combatterà per le prime posizioni e farà molto bene»

Valentino Rossi con Colin Edwards ai tempi in cui erano compagni in Yamaha (© Ansa)

ROMA – Valentino Rossi? «Si giocherà ancora la vittoria». Anzi, meglio: «Farà uno show». I primi ad essere convinti che anche in questa stagione, la sua ventiduesima in MotoGP, alla non più tenera età di trentotto anni (che compierà tra tre giorni, il 16 febbraio), il Dottore è destinato ad essere uno dei protagonisti sono quelli che lo conoscono meglio, per averci corso contro e al fianco: i suoi ex compagni di squadra. Magari non quello attuale, Maverick Vinales, con cui ha ancora un rapporto disteso che però potrebbe esplodere alle prime schermaglie in pista. Magari non lo scorso, Jorge Lorenzo, che è scappato dalla Yamaha anche per causa sua e ora si sta godendo il suo nuovo status di leader indiscusso in Ducati. Ma Colin Edwards e Nicky Hayden, che il box con il fenomeno di Tavullia lo hanno condiviso a lungo, non sembrano nutrire molti dubbi riguardo al suo potenziale, che resta intatto, nonostante il passare degli anni: «Guarda, io mi sono ritirato a 40 anni, ero in forma fisicamente, però era dura resistere mentalmente – ha ammesso Edwards al sito specializzato GP One – Ma per Rossi… beh, lui non ha una moglie, non ha figli: non so se mi spiego, meno guai per lui! Insomma, Valentino penserà solo a correre e sono convinto che farà ancora molto bene, si giocherà le vittorie».

La nostalgia di Colin
Il Texas Tornado, due volte iridato Superbike, fu pilota ufficiale Yamaha insieme al pesarese dal 2005 al 2007, prima dell'arrivo in squadra di Jorge Lorenzo: «Ho vissuto tre stagioni bellissime al fianco di Rossi, lui vinceva molte gare e credo di aver fatto al meglio il mio lavoro, sfruttando le mie capacità. Ho corso molte stagioni in MotoGP e ho raccolto soddisfazioni e podi. La vittoria? Mi è mancata per un soffio e, pensando a quali fossero i miei rivali, Valentino, Biaggi, posso dire di non avere rimpianti». Edwards, comunque, dimostra di avere grande stima anche per il nuovo compagno di squadra di Vale: «Maverick Vinales è un grande talento: nel primo test a Valencia ha dimostrato di essere subito veloce con la Yamaha M1 e si è ripetuto in Malesia. Vinales ha doti di guida notevoli, è forte ed affamato. Vedremo a che livello potrà esprimersi».

Rossi con Nicky Hayden all'epoca della Ducati

Rossi con Nicky Hayden all'epoca della Ducati (© Ducati)

La convinzione di Nicky
Della stessa idea è anche Nicky Hayden, che Rossi lo sfidò e lo battè nella corsa al Mondiale 2006, ma che con lui condivise anche il team in due diverse occasioni, prima alla Honda al suo esordio nel 2003 e poi nello sfortunato biennio Ducati 2011-2012: «È sempre una buona notizia quando avvengono tanti cambi di squadra – è il pronostico del 2017 per il Kentucky Kid – Jorge Lorenzo in Ducati, Maverick Vinales in Yamaha, Andrea Iannone in Suzuki. Ma sarà di nuovo lo show di Valentino Rossi. E lui combatterà di nuovo per le prime posizioni. Non vedo l’ora che inizi questo campionato del mondo. Anche se non sarà come nel 2016, quindi non mi aspetto nove vincitori diversi».