Il nove volte iridato potrebbe presto tornare su una Formula 1

La Mercedes fa sul serio: c'è un'offerta per Valentino Rossi

Toto Wolff conferma l'idea di «riuscire ad organizzare una giornata» di test con il Dottore e il campionissimo del rally Sebastien Ogier al volante delle monoposto campioni del mondo. Il fenomeno di Tavullia si era già detto disponibile

Valentino Rossi al volante della Ferrari (© Ferrari)

Valentino Rossi al volante della Ferrari (© Ferrari)

ROMA – Non era solo uno scherzo o una provocazione: l'offerta della Mercedes a Valentino Rossi va presa sul serio. Non per il sedile da pilota titolare, s'intende: quello è già stato prenotato dall'ex portacolori della Williams Valtteri Bottas, e l'annuncio ufficiale è atteso già nei primi giorni del nuovo anno. Ma un test al volante della monoposto campione del mondo, beh, quello il team principal Toto Wolff lo ha proposto davvero al Dottore. Che potrebbe usufruire di questa chance irripetibile al fianco di un altro campionissimo della sua specialità: Sebastien Ogier, quattro volte iridato nei rally. La conferma è arrivata ai microfoni della Gazzetta dello sport: «Io sono conscio che la Formula 1 è anche spettacolo – ha dichiarato il boss del team tedesco – E a me piacerebbe davvero testare le capacità di Rossi e di Ogier al volante delle nostre macchine. Sì, la mia idea è riuscire ad organizzare una giornata con loro».

La palla a Vale
Di certo Toto Wolff non è l'unico ad essere intrigato all'idea di capire quanto il fenomeno delle due ruote possa andar forte sulle quattro. Con le auto da rally, il tavulliese si è già ampiamente misurato con successo, al punto da vincere ben cinque edizioni del Rally di Monza, la superclassica di fine stagione. Con le monoposto di Formula 1, invece, le sue esperienze risalgono a qualche anno fa: per la precisione nel 2006 a Valencia e nel 2010 al Mugello, dove per due giorni in ciascuna occasione salì al volante di una Ferrari, percorrendo oltre cento giri alla volta. E la sua passione per le macchine non sembra essersi spenta nel frattempo, tanto che alla proposta indecente della Mercedes aveva risposto così: «Se vogliono chiamarmi, Wolff il mio numero ce l'ha. Come potrei dire di no se mi offrissero un test? Ho già avuto la fortuna di provare la Ferrari, sono molto amico di tanti meccanici a Maranello e il mio cuore è lì. Sarebbe forse un mezzo tradimento, ma come fai a non provare la Mercedes se te lo chiedessero?». Ora la richiesta, ufficiale, è arrivata. Condita da uno stimolo in più: riuscire a far meglio dello storico rivale Jorge Lorenzo, che sulla Freccia d'argento è già salito due mesi fa, a Silverstone. Valentino Rossi accetterà?