Se ne va un pezzo di storia della Rossa

Ferrari in lutto: addio al re dei meccanici Paolo Scaramelli

Si è spento improvvisamente nella notte del 29 novembre lo storico tecnico del Cavallino rampante, che negli anni '70 lavorò per Gilles Villeneuve e per il campione del mondo Jody Scheckter. Oggi l'ultimo saluto a Modena

Paolo Scaramelli, storico meccanico Ferrari (© Ferrari)

Paolo Scaramelli, storico meccanico Ferrari (© Ferrari)

CORLO – Si sono svolti oggi, 1° dicembre alle 10.30 a Corlo (Modena) le esequie di Paolo Scaramelli, storico meccanico della Scuderia Ferrari, con la quale aveva lavorato per il grande Gilles Villeneuve (fu lui ad annunciarne la tragica morte a Zolder al patron Enzo Ferrari in lacrime) e vinto il titolo mondiale nel 1979 con Jody Scheckter. Scaramelli è scomparso improvvisamente all'età di settantacinque anni nella notte del 29 novembre, in seguito a un attacco cardiaco che lo ha colpito durante una cena. «Il destino ha voluto che fosse a tavola con me, quando si è sentito male – ha raccontato l'amico giornalista Leo Turrini sul suo blog per il Quotidiano nazionale – Stavamo parlando bene di Maurizio Arrivabene, del presente, delle delusioni, delle speranze. Lui era sempre onesto, schietto, innamorato della Ferrari. Come me. Ad un certo punto ha smesso di conversare. Come se gli avessero staccato la spina. Ho capito subito. Insieme ad altri cinque ferraristi che erano con noi ho chiamato l'ambulanza. Hanno fatto il possibile, inutilmente. Mentre lo portavano via aveva gli occhi aperti, gli ho preso la mano, gli ho detto no Paolino, per favore no, devi farcela tu e aspetteremo insieme la Ferrari che vince. Ho avuto l'impressione che capisse, mi ha sfiorato con un dito. Non potrò dimenticare mai quello sguardo buono, quel lampo di commozione che emanava quando mi ricordava il Vecchio, le sue confidenze, la sua dolcezza, il lavoro come volontario per l'assistenza ai malati, se lo era scelto quando era arrivato il tempo della pensione». Tutta la Ferrari ha espresso in una nota il suo profondo cordoglio per la perdita di un amico e si stringe con affetto alla sua famiglia.