Nico torna a casa dopo il Mondiale

Rosberg e il suo miglior nemico: «Hamilton è il più forte, ma il rapporto è difficile»

Il neo campione del mondo si presenta nella sua città natale di Wiesbaden e interviene ai microfoni dei giornalisti sullo scontro fratricida con il suo compagno di squadra in Mercedes: Se ne è parlato troppo, tra di noi c'è rispetto

Nico Rosberg e Lewis Hamilton si stringono la mano sul podio di Abu Dhabi (© Mercedes)

Nico Rosberg e Lewis Hamilton si stringono la mano sul podio di Abu Dhabi (© Mercedes)

WIESBADEN – Nico Rosberg torna a casa. Pochi giorni dopo aver vinto il Mondiale, il pilota della Mercedes è tornato nella sua città natale, Wiesbaden. Una visita a sorpresa, visto che il sindaco della città tedesca avrebbe voluto invitarlo, ma lui lo ha anticipato rendendo omaggio ai suoi concittadini. Ma Rosberg ha colto l'occasione anche per incontrare i giornalisti e per dire la sua sul compagno di squadra Lewis Hamilton e sulla sua strategia sporca nell'ultimo Gran Premio della stagione ad Abu Dhabi: «Se ne è parlato troppo – ha gettato acqua sul fuoco – Capisco il pensiero del team ma anche quello di Lewis perché dovevamo combattere per il titolo entrambi».

Fratelli coltelli
Nico dimostra signorilità e sportività nel togliersi il cappello di fronte al suo diretto rivale: «Lewis è uno dei migliori piloti di tutti i tempi, è al massimo livello. Da giovani siamo stati amici ma adesso è impossibile avere buoni rapporti: siamo nella stessa squadra e lottiamo per il titolo, sarà sempre difficile tra di noi. In compenso siamo stati amici da giovani e per questo ci rispettiamo e questo aiuta un po'». Poi ha aggiunto: «Non so come si senta adesso Hamilton, ma so come mi sono sentito io nel 2014 e nel 2015. Per me fu difficile sopportare la sconfitta, e ora lui avrà bisogno di un po' di tempo per elaborare la cosa».

(Fonte: Askanews)