Un'accoppiata tutta nostrana

Raffaele De Rosa, un italiano trionfa in Superstock

Il pilota napoletano conquista il suo primo titolo in carriera portando il team Althea in vetta alla categoria inferiore del Mondiale Superbike. «Lotto da anni per vincerlo, sono contentissimo di questo risultato», esulta lui

Raffaele De Rosa festeggia il titolo di Superstock 1000 con il team (© Althea)

Raffaele De Rosa festeggia il titolo di Superstock 1000 con il team (© Althea)

JEREZ DE LA FRONTERA – Il team Althea ed il suo pilota Raffaele De Rosa hanno trionfato sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera, andando a vincere la Coppa Fim Superstock 1000 con la loro Bmw S 1000Rr. Si tratta del primo titolo in assoluto per il pilota napoletano, e il secondo titolo Stock per la squadra italiana, dopo quello vinto nel 2011. La gara è iniziata con un colpo di scena, quando la moto di Mercado, l’unico rivale di De Rosa per il titolo, si è fermata durante il giro di ricognizione, impedendo al pilota argentino di prendere il via in questa decisiva manche. Dal terzo piazzamento in griglia, De Rosa era consapevole di dover concludere la corsa, ed ottenere almeno otto punti per potersi aggiudicare il titolo. Partito bene, Raffaele era settimo nelle prime curve, poi sesto al quinto giro. Senza voler prendere rischi inutili, Raffaele ha saputo gestire la sua gara, mantenendo la sesta posizione, piuttosto staccato dai suoi avversari, fino all’ultima curva quando ha conquistato il quinto posto che ha mantenuto sino al traguardo, assicurandosi così la Coppa Fim Superstock 1000. È il primo titolo vinto da De Rosa, che chiude la stagione in prima posizione, con 115 punti, contro i 111 di Mercado.

Le reazioni
«Dedico questo titolo a tutta la mia famiglia, che mi ha sempre sostenuto nei momenti difficili e a tutto il mio team – commenta il neo titolato – Sono due anni che lavorano con me e gli sono davvero grato per tutto il loro aiuto. Onestamente la gara non è stata facile. Mi dispiace per Tati; quando ho visto che era fuori, la cosa mi ha un po’ destabilizzato, era un fatto inaspettato e di conseguenza ho dovuto cambiare un po’ la mia strategia di gara. Sicuramente ho girato un po’ più lento del solito perché ero teso e non volevo commettere errori ovviamente. È qualche anno che lotto e sono quindi contentissimo del risultato che è arrivato dopo tutto il nostro lavoro di questa stagione…». Aggiunge il general manager Genesio Bevilacqua: «Quella di oggi è una giornata storica, sia per il nostro team che per la Bmw. È qualche anno che cerchiamo di vincere questo titolo e sono felicissimo per il team, che ha fatto un grande lavoro con Raffaele e con i tecnici tedeschi. Un successo che dà il giusto merito al lavoro fatto da tutti e due, sia dal team sia dalla casa e sono molto contento. Guardiamo al futuro con molto ottimismo visto che abbiamo fatto un piano di lavoro con Bmw molto importante. Ritorno a fare i complimenti a De Rosa ed a tutta la squadra che ha lavorato in modo fantastico».