25 marzo 2017
Aggiornato 14:30
Amarcord Formula 1

Gilles Villeneuve: quelle staccate che hanno fatto la storia

Il mitico pilota canadese, a cui è intitolato il circuito su cui corre la Formula 1 questo weekend, non vinse mai un campionato del mondo, ma riuscì ad entrare nella leggenda grazie al suo coraggio e alla sua abilità nei sorpassi

Gilles Villeneuve sulla Ferrari 312-T5 (© Brembo)

ROMA – Diventare un mito pur senza aver mai vinto il Campionato del Mondo: ci è riuscito Gilles Villeneuve, autore di imprese memorabili con le monoposto Ferrari dotate di impianti frenanti Brembo. Di Gilles Villeneuve, Enzo Ferrari era solito dire: «Con la sua capacità distruttiva che macinava semiassi, cambi, frizioni, freni ci insegnava anche cosa fare perché un pilota potesse difendersi in un momento di necessità». I tecnici Brembo più anziani ricordano che «strapazzava bene i freni con il suo stile molto aggressivo».

Duelli storici
Il canadese è ricordato per la sua guida sempre al limite, discendente dalle sue esperienze con le motoslitte sui ghiacciai del paese d’origine. Memorabile il duello di cui fu protagonista con René Arnoux a Digione nel 1979: all’inizio del penultimo giro, alla curva Villeroy, Villeneuve riuscì ad infilare il rivale con una staccata incredibile. La ruota anteriore sinistra arrivò a bloccarsi ma Gilles riuscì a controllare la 312T3. Al giro seguente, Arnoux cercò di imitare la mossa del ferrarista che però allungò la propria frenata e, pur all’esterno, restò davanti. Ma dopo pochi metri il francese si riprese la posizione. Villeneuve però non era ancora domo e alla curva Parabolica riuscì a riportarsi davanti con un’altra frenata mozzafiato all’interno. Questi sforzi gli valsero il secondo posto al traguardo dietro all’altra Renault di Jabouille. I dischi Brembo avevano fatto in pieno il loro dovere.

La tragica scomparsa
L'8 maggio 1982, però, un tragico incidente durante le qualifiche del GP del Belgio ha privato il mondo dei motori di uno dei suoi talenti più puri. Una perdita incommensurabile per Enzo Ferrari che lo considerava come un figlio ma anche per tutto il popolo ferrarista che lo venera ancora oggi. In suo onore l’Île Notre-Dame Circuit di Montreal, sede del GP Canada, è stato ribattezzato Circuit Gilles Villeneuve. Nonostante la fama di «strapazza freni» che si era fatto tra i tecnici Brembo, in 67 GP corsi in carriera nemmeno una volta Villeneuve ha dovuto alzare bandiera bianca per un guasto ai freni. Segno che i freni Brembo con cui ha sempre corso tutti i GP, fatta eccezione per la gara d’esordio, il GP Gran Bretagna 1977 disputato con la McLaren, erano tarati per un uso esasperato come quello a cui li sottoponeva.